informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Tecniche di brainstorming: ecco quali sono

Commenti disabilitati su Tecniche di brainstorming: ecco quali sono Studiare a Napoli

L’efficacia delle tecniche di brainstorming è ormai un dato di fatto, comprovato da risultati statistici che confermano la nascita di innumerevoli progetti di successo, il raggiungimento di obiettivi importanti e la risoluzione di svariate tipologie di problematiche.

Le  metodologie in oggetto possono essere applicate in qualunque ambito o situazione in cui sia richiesto un processo creativo atto a generare nuove idee e soluzioni.

Nel corso di questo post  l’Università Telematica Niccolò Cusano di Napoli ti spiegherà come funziona il brainstorming, i presupposti per sfruttarne al massimo le potenzialità e le caratteristiche delle tipologie di tecniche più utilizzate ed efficaci.

Cos’è il brainstorming

Per comprendere il concetto partiremo dalla definizione di brainstorming presente sul sito della Treccani:

“Tipo di lavoro di gruppo nel quale più esperti riuniti insieme esprimono liberamente le loro idee, anche astruse o paradossali, circa un determinato problema, al fine di rendere possibile, con la loro combinazione, di trovare una soluzione originale e brillante del problema stesso (è una tecnica particolarm. efficace per trovare, ad es., uno slogan pubblicitario, per ideare modi del lancio di un prodotto, ecc.).”

Il termine inglese è composto dalle parole ‘brain’, che significa cervello, e ‘storm’, che significa tempesta.
La traduzione in italiano diventa pertanto ‘tempesta di cervelli’.

Si tratta in realtà di sessioni di lavoro realizzate in gruppo al fine di ideare un nuovo progetto o risolvere un problema.

Nel concreto il brainstorming si realizza attraverso un processo creativo che coinvolge i membri di un team, o di un gruppo di persone in generale, chiamati a produrre idee e/o soluzioni creative.

Il processo di brainstorming è legato alla figura del pubblicitario Alex Osborn, il quale conia ed utilizza il termine nella prima volta all’interno del suo libro ‘Applied Imagination’, il saggio che introduce la metodologia e ne descrive le potenzialità nell’ambito del problem solving.

Le quattro regole identificate da Osborn per la conduzione di un processo efficace sono le seguenti:

  1. non criticare le idee degli altri
  2. ogni idea o capovolgimento di un’idea è ben accolta
  3. la quantità prima di ogni altra cosa
  4. perfezionamento delle idee

Le linee guida sono pensate appositamente per ridurre le inibizioni tra i partecipanti e allo stesso tempo per stimolare opinioni e pensieri divergenti.

Le fasi

Per poter svolgere un’attività di brainstorming sono necessari i seguenti elementi:

  • un problema da risolvere o o un progetto da creare
  • un gruppo di persone
  • un ambiente rilassato ed informale
  • un team leader/moderatore

La figura del moderatore ha un ruolo importantissimo: occuparsi del corretto svolgimento dell’incontro attraverso la moderazione e la stimolazione degli interventi.

Le fasi principali di un attività di brainstorming sono le seguenti:

  • Fase iniziale
    Introduzione dell’oggetto della discussione ad opera del moderatore
  • Fase divergente
    E’ la fase creativa del processo, nell’ambito della quale ogni componente del gruppo da libero sfogo alla propria creatività e al proprio pensiero critico.
  • Fase convergente
    Prevede la conclusione del processo e la selezione delle idee migliori.
    Solitamente, la procedura prevede la distribuzione dell’elenco delle idee emerse dalla fase divergente a tutti i partecipanti i quali sono tenuti a indicare le proprie preferenze in merito a quelle ritenute potenzialmente più valide e realizzabili.
    La fase presuppone una prospettiva spiccatamente critica.

brainstorming

Tipologie e tecniche

Entriamo nel cuore del nostro post per analizzare le tecniche di brainstorming più efficaci.

Di seguito un elenco delle metodologie più utilizzate, le relative caratteristiche operative e le situazioni alle quali vengono più frequentemente applicate.

Brainwriting

La tecnica brainwriting è la versione grafica del tradizionale brainstorming e viene utilizzata soprattutto nel settore pubblicitario, per ideare nuovi prodotti e/o per individuare nuove idee potenzialmente interessanti.

La metodologia risulta particolarmente adatta ai gruppi composti da un numero consistente di partecipanti, per i quali la discussione a voce si rivelerebbe troppo caotica, e per i team nei quali i componenti parlano lingue differenti.

Lo svolgimento prevede la figura di un conduttore il quale distribuisce a ciascun partecipante un foglio con su scritta una frase; quest’ultima funge da spunto per lo sviluppo della propria idea.

Il foglio con l’annotazione del pensiero deve essere passato ad un altro componente del gruppo, quello seduto di fianco, che dopo aver aggiunto la propria idea lo passerà a sua volta ad un altro.

Alla fine del giro ogni foglio conterrà un numero considerevole di idee dalle quali estrapolare quelle più interessanti per il raggiungimento dell’obiettivo fissato all’inizio della sessione creativa.

Crawford slip writing

Per le sue modalità di esecuzione il crawfors slip writing è considerato una variante del brainwriting; è utilizzato soprattutto nei casi in cui il gruppo è particolarmente numeroso o quando si ha l’esigenza di produrre una grande quantità di idee.

Il funzionamento prevede la distribuzione, a ciascun partecipante, di un block-notes sul quale sono annotate frasi e immagini.
Partendo dagli spunti forniti come base ogni membro del gruppo è tenuto ad annotare un’idea su ognuno dei fogli del blocchetto.

Mind Map

La tecnica mind map riprende il concetto delle mappe mentali: si parte da un’idea, un concetto o una problematica, scritta al centro di una lavagna, foglio o supporto digitale, per poi costruire intorno ad esso rete di pensieri correlati.

Il mind mapping è uno strumento, che applicato al brainstorming, consente di sviluppare uno schema grafico contenente un insieme di idee.

L’efficacia della tecnica scaturisce dalle enormi potenzialità della mappa in ottica di visual thinking; in altre parole la visualizzazione delle idee stimola le capacità creative e di conseguenza la produzione di nuovi spunti per il progetto in corso.

Giochi di ruolo

Tra le migliori tecniche di brainstorming, una delle più efficaci è quella che sfrutta le potenzialità dei giochi di ruolo.

Si tratta in altre parole di recitare una parte, di mettersi nei panni di un’altra persona immedesimandosi il più possibile nei rispettivi pensieri e comportamenti relativamente alla risoluzione di una problematica.

La tecnica del gioco di ruolo, con immedesimazione nella figura del cliente tipo, è particolarmente adatta ai casi in cui bisogna creare un nuovo prodotto.

Rawlinson Brainstorming

La tecnica Rawlinson punta sul lavoro individuale per cui risulta atipica rispetto ai concetti di condivisione e collaborazione sui quali si basa il brainstorming.

Ogni partecipante è tenuto ad esporre le proprie idee senza interagire con gli altri e con i relativi pensieri.

Dal momento che prescinde dall’interazione viene utilizzata prevalentemente all’interno dei gruppi caratterizzati da peculiarità che non consentono comunicazioni prive di giudizi e filtri.

Risulta particolarmente utile nelle situazioni in cui è necessario creare competitività e nei progetti per i quali bisogna individuare i profili potenzialmente più idonei a realizzarli.

Imaginary brainstorming

Il nome della tecnica, per quanto in inglese, lascia facilmente intuire l’aspetto principale sul quale di basa: l’immaginazione.
Partendo dalla problematica ogni partecipante è tenuto a inventare un nuovo contesto e dei nuovi protagonisti, al fine di ridefinire, e tentare di risolvere, il problema sulla base delle modifiche apportate.

Negative brainstorming

Basata su fondamenta di tipo psicologico la tecnica negative brainstorming utilizza la tendenza dell’uomo a focalizzarsi sempre sugli aspetti negativi delle situazioni.

Per quanto nello sviluppo di un progetto la propensione al pessimismo, al pensiero che l’idea non funzionerà o che il problema non si risolverà, possa apparentemente sembrare deleteria, risulta in realtà estremamente utile.

La funzionalità è insita nell’identificazione preventiva delle possibili problematiche che potrebbero insorgere e nella possibilità di strutturare un’eventuale linea operativa per affrontarle.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali