informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Scuola classica: ambiti di studio ed esperienze

Comments (0) Studiare a Napoli

Il pensiero che lo Stato ostacola l’efficienza del sistema economico affonda le sue radici nella scuola classica, e nel periodo storico che segue la rivoluzione industriale e la nascita del capitalismo.

Gli economisti classici, che in ordine cronologico rappresentano la terza scuola di pensiero economico, dopo il mercantilismo e la fisiocrazia, si basano sulla teoria del liberismo economico.
Il libero mercato viene considerato la leva fondamentale per il benessere socio-economico.

Economia classica: le origini

La nascita della scuola classica viene fatta coincidere temporalmente con la pubblicazione dell’opera di Adam Smith ‘An inquiry into the nature and causes of the wealth of nations’, avvenuta nel 1776.

Non a caso Adam Smith è considerato il fondatore della scuola di pensiero incentrata sulla teoria del ‘laissez faire’.

Nella sua opera, il cui titolo tradotto in italiano diventa ‘Indagine sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni’, lo studioso estende a tutti i settori dell’economia la teoria introdotta dai fisiocratici nel settore agricolo.

Partendo dal pensiero fisiocratico, l’analisi dell’economista scozzese si allarga a tutti i fattori produttivi; un’analisi che non è focalizzata esclusivamente sul settore agricolo, ma che si estende a fattori come il lavoro, il capitale, i salariati e i redditieri.

In particolare, Smith sostiene la tesi che limita l’intervento pubblico in ambito economico, a favore di un mercato libero di risolvere le eventuali problematiche. Un mercato in cui le decisioni dei singoli individui, e quindi il perseguimento dei personali interessi, conducono in maniera naturale al benessere.

In contrapposizione alla scuola di pensiero fondata sul mercantilismo, la teoria di Smith punta ad eliminare le barriere agli scambi, ovvero ad agevolare un liberismo economico che attraverso un naturale funzionamento del mercato rende superfluo qualsiasi intervento pubblico.

La scuola classica è quindi incentrata sull’individuo.

Il pensiero classico e le relative teorie

Conoscere la scuola classica è fondamentale per chiunque desideri intraprendere studi ad indirizzo economico. La conoscenza del pensiero incentrato sul libero mercato garantisce le basi essenziali per comprendere e analizzare la moderna economia.
Non a caso l’argomento rientra tra gli approfondimenti dei corso di laurea in economia aziendale a Napoli attivato dall’università telematica Niccolò Cusano.

Il pensiero classico si sviluppa in seguito ad un periodo storico particolare, caratterizzato da una serie di importanti cambiamenti sia economici che politici.
L’epoca in questione è quella interessata dalla rivoluzione industriale, con le relative innovazioni tecnologiche, e dalla nascita del capitalismo.

Il pensiero classico è incentrato sull’individuo, e sulla convinzione che in ambito economico esista un ordine naturale.
In altre parole i classici sostengono che esiste una sorta di ‘mano invisibile’, che attraverso l’azione di ogni singolo individuo conduce a una sinergia che determina naturalmente un benessere collettivo.
Ciò significa che ognuno, nel perseguire i propri interessi, promuove indirettamente e inconsapevolmente anche gli interessi della società.

Tutto il processo avviene quindi in maniera naturale, senza alcun intervento da parte dello Stato o di chi per esso.

Come accennato nel corso della premessa la scuola classica ‘immagina’ il libero mercato come un’istituzione in grado di garantire un utilizzo ottimizzato dei fattori produttivi e una suddivisione efficiente delle risorse all’interno del sistema economico.

In conclusione: il mercato è regolato da leggi proprie, che possono essere scientificamente studiate.

Per rendere una panoramica chiara e immediatamente comprensibile della scuola classica abbiamo raccolto nel seguente elenco i principi cardine del pensiero incentrato sul mercato libero:

  • Rimozione degli ostalcoli e delle limitazioni agli scambi
  • Allocazione ottimizzata delle risorse
  • Formazione ‘naturale’ dei prezzi di mercato
  • Offerta = elemento determinante per la formazione dei prezzi delle merci
  • Domanda = elemento determinante per la quantità delle merci
  • Analisi economica incentrata su: capitale, lavoro, rendita, salari

 È d’obbligo a questo punto introdurre il concetto di liberismo, per il quale riportiamo la definizione fornita dal sito Wikipedia:

“Il liberismo (detto anche liberalismo economico, liberismo economico o libertà di mercato) è un sistema economico nel quale lo Stato si limita ad assicurare funzioni pubbliche che non possono essere soddisfatte per iniziativa individuale, e a garantire con norme giuridiche la libertà economica e il libero scambio, e a offrire beni che non sarebbero prodotti a condizioni di mercato per assenza di incentivi.”

Si tratta quindi di una teoria basata sul diritto di libertà dell’uomo; un diritto inalienabile che parte dalla sfera individuale per arrivare a quella economica.

I tre principi sui quali si fonda il liberismo sono:

  • Libertà di iniziativa del privato
  • Equilibrio del mercato
  • Esclusione dello Stato

Tale sistema, adottato in Europa inizò ad essere progressivamente abbandonato a partire dal 1860, quando i paesi continentali affacciandosi in ritardo sulla scena economica mondiale rischiavano di essere penalizzati dal principio.

In seguito alle spese sostenute durante i conflitti bellici la situazione economica del paese risultava estremamente compromessa per cui il concetto di autoregolamentazione del mercato non era più attuabile. L’intervento pubblico si rese praticamente indispensabile.

L’idea liberista torna alla ribalta dopo la Seconda Guerra Mondiale, quando sul mercato si inizia a parlare di ‘neo-liberismo’, nell’ambito del quale l’intervento dello Stato era limitato ai casi di estrema difficoltà.

Credits immagine: DepositPhoto.com/borkus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali