informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è l’apprendimento esperienziale e come può migliorare il tuo lavoro?

Comments (0) Studiare a Napoli

Un detto latino recita ‘Non scholae, sed vitae discimus’, che tradotto letteralmente significa ‘non impariamo per la scuola ma per la vita’; anche se nella maggior parte dei casi sono proprio le esperienze della vita ad isegnarci qualcosa, ecco perché si parla di apprendimento esperienziale.

La quotidianità offre ad ognuno di noi tante e diverse forme di apprendimento, che derivano dal vissuto personale e che in maniera conscia o inconscia determinano quello che in inglese viene chiamato ‘experiential learning’. 

Definizione di apprendimento

“L’apprendimento, nella psicologia congnitiva, consiste nell’acquisizione o nella modifica di conoscenze, comportamenti, abilità, valori o preferenze e può riguardare la sintesi di diversi tipi di informazione.” (Wikipedia)

“Nella ricerca sia psicologica che etologica, acquisizione persistente di modificazioni del comportamento, dal semplice condizionamento di riflessi primari fino a forme complesse di organizzazione delle informazioni.” (Treccani)

Le due definizioni sopra riportate ci permettono di capire a grandi linee cos’è l’apprendimento, ovvero in cosa consiste.

Per rendere più semplice il concetto, si tratta di un processo attraverso il quale gli individui acquisiscono o modificano capacità, abilità, conoscenze e comportamenti.
L’apprendimento può quindi essere determinato dallo studio, dall’istruzione, dall’esperienza diretta, dall’osservazione e dal ragionamento.

Nel corso dei prossimi paragrafi l’università telematica Niccolò Cusano di Napoli intende fornire ai lettori un approfondimento sul tipo di apprendimento basato sull’esperienza, per consentire una maggiore comprensione delle relative caratteristiche e potenzialità.

Apprendimento ed esperienza

Comunemente l’apprendimento e associato allo studio ‘tradizionale’, alla scuola, all’università, ai libri e a pagine e pagine di nozioni e informazioni teoriche.
In realtà si tratta di un processo evolutivo, e quindi di cambiamento, determinato da differenti fattori.

L’apprendimento esperienziale, oggetto di approfondimento di questo post, deriva dall’esperienza vissuta, ed è considerato il ‘quarto sapere’. Nello specifico il concetto identifica un processo basato sull’esperienza, cognitiva, emotiva e sensoriale, dalla quale parte la costruzione della conoscenza.

Attraverso l’osservazione e la trasformzione si attiva l’experiential learning.

Competenze, conoscenze e abilità vengono acquisite dall’individuo al di fuori dei tradizionali contesti di apprendimento ‘scolastici’.
Il processo non passa attraverso la classica acquisizione passiva di informazioni e concetti teorici, ma si basa sull’esperienza diretta.

L’apprendimento esperienziale è stato studiato da due grandi autori, Dewey e Piaget, per poi essere approfondito, sviluppato e diffuso dal teorico David Kolb.
L’educatore e psicologo statunitense è famoso per la sua teoria dell’apprendimento, la quale sostiene che l’esperienza viene trasformata in conoscenza.

Il modello di apprendimento esperienziale sviluppato da Kolb segue un processo a spirale, composto da quattro fasi:

  1. Esperienza concreta: apprendimento basato sull’aspetto emozionale dell’esperienza, per cui intuizioni, percezione e interpretazione personale.
  2. Osservazione riflessiva: apprendimento basato sull’analisi e la comprensione delle sensazioni e dei comportamenti attraverso l’osservazione e l’ascolto.
  3. Concettualizzazione astratta: l’apprendimento è determinato da un’organizzazione delle informazioni basata sulla logica, ovvero su una schematizzazione di concetti e abilità estesa a situazioni personali.
  4. Sperimentazione attiva: fase in cui viene verificato e sperimentato l’apprendimento (competenze e conoscenze acquisite) e i relativi risultati. Si tratta quindi del momento che identifica l’esperienza concreta e che determina l’evoluzione.

Il processo viene quindi rappresentato in un ciclo nell’ambito del quale l’apprendimento può iniziare indistintamente da uno dei quattro punti.

In collaborazione con Roger Fry, Kolb mise a punto un questionario rivolto ad identificare lo stile di apprendimento degli individui.

Quattro furono gli stili identificati:

  1. Convergente -> concettualizzazione astratta + sperimentazione attiva
  2. Divergente -> esperienza concreta + osservazione riflessiva
  3. Assimilativo -> concettualizzazione astratta + osservazione riflessiva
  4. Adattivo -> esperienza concreta + sperimentazione attiva

La didattica esperienziale

Oggi il valore dell’esperienza nell’ambito del processo di apprendimento è riconosciuto anche nei contesti scolastici.

Gli insegnanti e in generale le istituzioni che operano nell’ambito dell’istruzione utilizzano il modello della didattica esperienziale.

Fin dai primi livelli di istruzione agli studenti vengono offerti gli strumenti per imparare attraverso l’esperienza concreta.
Nozioni e concetti teorici vengono applicati a situazioni concrete, per le quali si rendono necessari processi di rielaborazione e ragionamento dei concetti stessi al fine di adottare un adeguato comportamento.

Si tratta quindi di un processo che tende all’evoluzione e alla crescita personale.

La formazione esperienziale in ambito professionale

Il modello esperienziale trova applicazione anche in altri campi, non soltanto in quello scolastico.
La metodologia viene utilizzata anche da psicologi, pedagogisti, animatori, educatori, coach e responsabili delle risorse umane.

In ambito aziendale la formazione esperienziale risulta particolarmente utile ai fini della produttività.
Le risorse umane vengono formate, aggiornate e riqualificate attraverso la simulazione di esperienze reali, nell’ambito delle quali il singolo profilo viene chiamato a ricoprire ruoli finalizzati a sviluppare capacità di riflessione, creatività e ragionamento.

Dalle caratteristiche analizzate nel corso di questo post è facile dedurre il valore dell’apprendimento esperienziale in ambito professionale.
Non a caso il know how pratico-operativo, ovvero l’esperienza sul campo, è uno dei requisiti più ricercati dai recruiter; un requisito che in molti casi, e soprattutto in particolari settori del mercato, fa la differenza rispetto alla specializzazione impostata sulla teoria.

Credits immagine: DepositPhoto.com/manczurov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali