informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Sonno polifasico: che cos’è e in cosa consiste

Commenti disabilitati su Sonno polifasico: che cos’è e in cosa consiste Studiare a Napoli

Hai mai sentito parlare di sonno polifasico e di microsonni?

Se sei capitato su questa pagina probabilmente sì e la tematica ti ha incuriosito a tal punto che hai deciso di approfondirla.

La maggior parte di noi è abituata al sonno monofasico, basato sul ciclo giorno-notte.
E’ inoltre una convinzione comune, anzi quasi una credenza popolare, il fatto che per sentirsi sufficientemente riposati bisogna dormire otto ore a notte.

Sappi che non è così; in questo articolo l’Università Telematica Niccolò Cusano di Napoli stravolgerà tutte le tue convinzioni sul sonno, introducendo metodologie che consentono di dormire molto meno delle canoniche otto ore notturne e di sentirsi comunque riposati e sufficientemente rigenerati.

Per i non addetti ai lavori e per i comuni mortali dormire significa riposarsi fisicamente e mentalmente dai ritmi, dagli impegni e dai pensieri quotidiani.
Per gli esperti del settore e per gli addetti ai lavori il sonno è fondamentale per l’essere umano per ragioni ben più scientifiche; in particolare contribuisce in maniera importante al metabolismo del cervello, al bilanciamento del metabolismo del glucosio, alla produzione di anticorpi, all’eliminazione delle tossine, al riposo cardiovascolare, al consolidamento della memoria.

Il sonno è un processo che cambia a seconda dell’età.
Proviamo a spiegarci meglio con qualche esempio: il sonno di un neonato è polifasico, quello di un bambino è bifasico (prevede il cosiddetto ‘riposino pomeridiano’) mentre quello di una persona adulta è prevalentemente monofasico. Nell’età senile il monofasico diventa spesso polifasico ultradiano, ossia prevede sonnellini diurni piuttosto frequenti.

Il sonno polifasico può diventare un’abitudine che consente di ottimizzare i tempi destinati al riposo.

Prima però di entrare nel dettaglio è d’obbligo partire dall’inizio, da una panoramica sul processo che caratterizza il sonno in generale.

Fasi del sonno

Che si dorma 6, 8 o 12 ore a notte, che si opti per il tradizionale monofasico o si preferisca il polifasico: sappiamo bene che il sonno non è uguale per tutta la sua durata.

Sulla base di test ed esami, basati sul monitoraggio delle onde cerebrali e dei movimenti sia oculari che muscolari, gli studiosi hanno evidenziato le due fasi principali del sonno:

  • fase NREM (non REM)
  • fase REM

Fase NREM

L’acronimo NREM, con il quale è identificata la prima fase del sonno, sta per Not Rapid Eye Movement e indica il processo durante il quale gli occhi ‘non si muovono in maniera rapida’.

Dura complessivamente fino a 90  minuti e prevede a sua volta quattro differenti stadi, che si susseguono in progressione:

  1. fase di addormentamento, che comunemente noi comuni mortali definiamo ‘dormiveglia’;
  2. sonno leggero, durante il quale i muscoli iniziano a rilassarsi;
  3. sonno profondo;
  4. sonno molto profondo, durante il quale avviene l’effettiva rigenerazione dell’organismo.

Ogni ciclo è composto da una sorta di progressione che conduce dal primo al quarto stadio, dopo il quale sopravviene la fase REM.

Fase REM

L’acronimo REM sta per Rapid Eye Movement. La fase dura mediamente tra i 10 e i 15 minuti e rappresenta la fine di un ciclo, dalla quale poi si riparte con la fase NREM.

Così come si evince dall’acronimo stesso il processo è caratterizzato da un movimento rapido degli occhi, accompagnato da un’intensa attività cerebrale (il soggetto sogna).
E’ paradossale che mentre a livello mentale si registra un ‘movimento’ piuttosto frenetico a livello fisico la maggior parte dei muscoli volontari resta praticamente immobile.
Non a caso la fase REM è definita ‘sonno paradosso’, in contrapposizione alla fase NREM che viene definita ‘sonno ortodosso’.

Ogni notte si verificano mediamente 4 o 5 cicli completi, ognuno dei quali composto dai 4 stadi non REM e dalla fase REM.
Ciò che cambia a seconda della parte della notte in cui ci si trova è la prevalenza di uno o dell’altro stadio; ad esempio, nella prima parte della notte si registra una prevalenza degli stadi 3 e 4 (NREM) mentre in mattinata a prevalere sono è lo stadio 2 (NREM) seguito dalla fase REM.

microsonni

Sonno polifasico

Compreso a grandi linee come funziona il riposo tradizionale di un essere umano concentriamoci sul focus del nostro post e cerchiamo di capire cos’è il sonno polifasico.

Partiamo dalla definizione fornita da Wikipedia:

“il sonno polifasico, termine coniato dallo psicologo J.S. Szymanski nel primo XX secolo, si riferisce alla pratica di dormire diverse volte durante la giornata, in contrasto con il sonno bifasico (due volte al giorno) e il sonno monofasico (una volta al giorno)”

Abituati a dormire la notte il concetto sembra assurdo; se però consideriamo che la fase veramente importante di un intero ciclo di sonno è quella REM, che dura in totale due ore, è facile dedurre che tutto il resto è tempo ‘sprecato’.

Inutile precisare che le affermazioni di cui sopra scaturiscono da studi e analisi condotte nel corso degli anni; i risultati hanno dimostrato che il cervello dell’uomo non ha bisogno di 6/8 ore di sonno a notte.

Il cervello è in grado di migliorare la qualità del sonno quando sa di dover dormire di meno; la sua capacità, in tal senso, consiste nel riuscire ad entrare più rapidamente nella fase REM.

Metodi

Esistono varie tipologie di sonno polifasico, ognuno delle quali prevede riposini diurni ad intervalli diversi.
Analizziamole nel dettaglio:

  • Metodo bifasico
    E’ la metodologia più semplice da applicare in quanto prevede, come suggerisce il nome stesso, soltanto due fasi. La metodologia consiste nel dormire due volte al giorno, per un totale di 5 ore e mezza, per cui può essere applicata anche da chi sostiene ritmi quotidiani piuttosto frenetici.
  • Metodo Everyman
    Il nome suggerisce la finalità della metodologia; ‘everyman’ tradotto in italiano significa ‘ogni uomo’ il che significa che si allinea alle esigenze di chiunque non abbia la possibilità di seguire il più rigido metodo Uberman, che spiegheremo di seguito.
    Il metodo prevede 4 sessioni di sonno per un totale di 4 ore e mezza al giorno, di cui tre ore sono destinate al riposo notturno e la rimanente ora e mezza va suddivisa in tre riposini da mezz’ora ciascuno.
  • Metodo Ubermann
    E’ la metodologia giusta per chi desidera ridurre al massimo, e ottimizzare, il tempo destinato al sonno.
    Abbiamo scelto di inserirla all’ultimo posto del nostro elenco semplicemente perché è la più dura delle tre. In realtà è stata la prima ad essere scoperta e utilizzata; le altre due sono state sperimentate successivamente come alternative, più flessibili, adatte a tutti.
    Uberman prevede due ore di sonno al giorno, il riposo minimo indispensabile per il corpo umano. Non a caso la fase REM notturna che generalmente caratterizza un ciclo di riposo tradizionale è di due ore.
    I 120 minuti sono suddivisi in sei sessioni (una ogni quattro ore) ognuna delle quali composta da 20 minuti di sonno.
    La caratteristica che ne rende difficoltosa l’applicabilità consiste nel rispetto degli orari e degli intervalli; il metodo Ubermann non permette margini di flessibilità per cui considerando i ritmi quotidiani della maggior parte degli esseri umani non riscontra grande successo nella realtà.
    Risulta invece particolarmente indicato per gli studenti universitari che frequentano corsi di laurea online e studiano da casa.

La scelta di un metodo piuttosto che di un altro è subordinata alle esigenze personali, alla routine giornaliera e agli impegni quotidiani lavorativi e/o familiari.

Ciò che conta, al di là della tipologia selezionata, è cercare di essere costanti e rispettare i tempi previsti dalla metodologia. Soltanto così sarà possibile abituare il corpo ad entrare più velocemente nella fase REM.

Rischi

Quando si parla di sonno polifasico è inevitabile citare anche i rischi connessi.

Secondo alcune teorie non risulterebbe nocivo se seguito soltanto per periodi di tempo limitati (es. sei mesi).

Dai test effettuati fino ad oggi è emersa una diminuzione delle capacità creative e un leggero calo dell’attenzione durante le ore pomeridiane.

Un altro svantaggio potrebbe tradursi nel fatto che il sonno monofasico aumenta le difese immunitarie per cui è più efficace nei processi di guarigione.

Per il resto non sembrerebbero esserci particolari controindicazioni.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali