informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quali sono gli sbocchi lavorativi di una laurea in Ingegneria Biomedica?

Commenti disabilitati su Quali sono gli sbocchi lavorativi di una laurea in Ingegneria Biomedica? Studiare a Napoli

Tra le professionalità specializzate in indirizzi ingegneristici che offrono maggiori opportunità di impiego sul mercato rientra quella dell’ingegnere biomedico; ecco perché analizzeremo nel corso di questo post gli sbocchi lavorativi di una laurea in Ingegneria biomedica.

L’ambito disciplinare è focalizzato sulla progettazione e sulla gestione di sistemi complessi destinati principalmente all’ambito medico-sanitario, ma anche ai comparti che si occupano di dispositivi digitali e in generale di ICT.

Un percorso di formazione ad indirizzo ingegneristico biomedico è quindi in grado di erogare una preparazione multidisciplinare, che garantisce ottime prospettive occupazionali.

Come diventare ingegnere biomedico: il corso di laurea

L’ingegnere biomedico è il profilo che contribuisce al progresso delle scienze mediche attraverso l’applicazione delle discipline ingegneristiche.

L’attività di un professionista qualificato è finalizzata allo sviluppo e/o al miglioramento dei dispositivi di diagnosi, terapia, riabilitazione e supporto alle funzioni vitali.
Si tratta quindi di una professionalità che si occupa di sviluppare soluzioni per la prevenzione e la cura della malattie, ovvero per il miglioramento della qualità della vita dei pazienti; il tutto attraverso la progettazione e la realizzazione di dispositivi e apparecchiature mediche, la realizzazione di organi e arti artificiali, lo sviluppo di nanotecnologie e biomateriali.

L’attività di un profilo esperto è strettamente correlata a quella del personale medico, con il quale deve essere in grado di relazionarsi in merito alle tecnologie utilizzate per la cura dei pazienti.

Prima di analizzare le opportunità lavorative per gli ingegneri biomedici è d’obbligo familiarizzare con la materia e con il percorso di studi per specializzarsi in ingegneria biomedica a Napoli.

Come si può facilmente intuire, il punto di partenza per diventare un professionista del settore è un corso di laurea ad indirizzo ingegneristico.
La base ideale per acquisire competenze specifiche è identificabile nel corso di laurea in Ingegneria industriale – curriculum biomedico.

Si tratta di un percorso di studi triennale che mira a fornire le competenze per svolgere le seguenti attività:

  • Progettazione, realizzazione e montaggio di componenti
  • Programmazione della produzione
  • Analisi e valutazione dei costi
  • Progetto, controllo e collaudo dei materiali

Nel dettaglio, il programma di studi approfondisce materie quali la matematica, la geometria, la chimica, la fisica, l’informatica, la termodinamica, la meccanica applicata alle macchine, l’elettrotecnica, la biochimica, l’elettronica, la scienza e la tecnologia dei materiali, le misure meccaniche e termiche, gli impianti ospedalieri, i biomateriali e la biomeccanica.

Punto di forza del programma Unicusano le numerose attività di laboratorio previste per le discipline professionalizzanti, la cui finalità è avvicinare il corsista al mondo reale, pratico e operativo del lavoro attraverso lo sviluppo delle capacità necessarie per poter operare nell’ambito dell’ingegneria biomedica.

Cosa fare dopo ingegneria biomedica: gli sbocchi

 Entriamo nel cuore del nostro post per conoscere le opportunità legate al conseguimento di una laurea in Ingegneria biomedica.

Come anticipato nel corso della premessa l’ingegnere biomedico possiede una preparazione ‘trasversale’ spendibile in tutti i comparti industriali che hanno come core business l’innovazione dei prodotti e dei servizi.
La specializzazione può essere applicata non soltanto nei settori biomedicali, ma anche in quelli afferenti l’elettronica, l’informazione, la meccanica e la chimica.

In Italia le opportunità lavorative risultano piuttosto interessanti, anche se bisogna sottolineare che all’estero l’offerta di lavoro per gli ingegneri biomedici è decisamente più dinamica.

Ecco le professionalità ad indirizzo ingegneristico biomedico più ricercate sul mercato e le relative mansioni:

  • Product specialist: profilo tecnico-commerciale che svolge attività di informazione e formazione in merito alle caratteristiche, alle funzionalità e al corretto utilizzo dei dispositivi tecnologici utilizzati in ambito medico-sanitario.
  • Progettista di strumentazione biomedica: profilo che si occupa di progettare dispositivi finalizzati alla diagnosi, al monitoraggio e alla terapia.
  • Ingegnere in ambito clinico: profilo che si occupa della gestione delle tecnologie biomediche all’interno delle strutture sanitarie.
  • Ingegnere nell’ambito della telemedicina:profilo che si occupa dello sviluppo di applicazioni finalizzate al trasferimento dei dati medici da una sede all’altra per consentire il trattamento dei pazienti in remoto.

In linea generale i laureati in Ingegneria biomedica possono trovare impiego sia nel settore pubblico che in quello privato.
Tra gli ambiti industriali più promettenti le industrie ad alta tecnologia (aerospaziale, biomedicale ecc.), le industrie meccaniche ed elettromeccaniche e chiaramente le industrie specializzate in strumentazioni medicali.

Un professionista può quindi accedere sia all’ambito industriale, come tecnico o come commerciale di prodotti, e sia alle strutture ospedaliere pubbliche e private, dove solitamente ricopre il ruolo di gestore dei dispositivi e dei sistemi medicali.

In estrema sintesi un ingegnere biomedico può trovare impiego all’interno di strutture sanitarie, industrie di produzione di apparecchiature medico-sanitarie, industrie farmaceutiche, aziende di biotecnologie, centri di ricerca, industrie di robotica, società di servizi di telemedicina, laboratori clinici.

Particolarmente interessante in ottica di crescita professionale il campo dell’AI (Artificial Intelligence) che fa riferimento ai software e agli algoritmi applicati nella diagnosi clinica.

Tra gli sbocchi lavorativi di una laurea in ingegneria biomedica rientra anche l’attività di consulenza, come libero professionista oppure in società specializzate.

 

Credits immagine: DepositPhoto.com/bsd

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali