informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Processo amministrativo: cos’è e come funziona

Commenti disabilitati su Processo amministrativo: cos’è e come funziona Studiare a Napoli

Processo amministrativo, ricorso al tar, primo grado, grado di appello e tutela degli interessi legittimi contro gli atti della Pubblica Amministrazione sono concetti che rientrano nell’ambito del diritto amministrativo.

La materia rappresenta il pane quotidiano per chi desidera intraprendere una carriera di successo legata alle professioni legali.

I paragrafi che stai per leggere ti forniranno una panoramica generale dell’argomento; partiremo da definizioni e articoli normativi per arrivare ai percorsi di specializzazione per diventare professionisti della materia.

Giustizia amministrativa: la normativa

La Costituzione della Repubblica Italiana garantisce al cittadino la possibilità di difendere le proprie posizioni attraverso gli articoli 24, 103, 113, che riportiamo di seguito.

Articolo 24

“Tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi.
La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado di procedimento.
Sono assicurati ai non abbienti, con appositi istituti, i mezzi per agire e difendersi davanti ad ogni giurisdizione. La legge determina le condizioni e i modi per la ripartizione degli errori giudiziari.”

Articolo 103

“Il Consiglio di Stato e gli altri organi di giustizia amministrativa hanno giurisdizione per la tutela nei confronti della pubblica amministrazione degli interessi legittimi e, in particolari materie indicate dalla legge, anche dei diritti soggettivi.”

Articolo 113

“Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre ammessa la tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di giurisdizione ordinaria o amministrativa.
Tale tutela giurisdizionale non può essere esclusa o limitata a particolari mezzi di impugnazione o per determinate categorie di atti.
La legge determina quali organi di giurisdizione possono annullare gli atti della pubblica amministrazione nei casi e con gli effetti previsti dalla legge stessa.”

La giustizia amministrativa è disciplinata dal Codice del processo amministrativo, approvato con d.lgs. n. 104 del 2 luglio 2010 e composto dai seguenti 5 libri:

  1. Disposizioni generali (artt. 1 – 39)
  2. Processo amministrativo di primo grado (artt. 40 – 90)
  3. Impugnazioni (artt. 91 – 111)
  4. Ottemperanza e riti speciali (artt. 112 – 132)
  5. Norme finali (artt. 133 – 137)

Cos’è e come funziona il processo

Per chi si approccia alla materia per la prima volta e non ha assolutamente idea di cosa sia un processo amministrativo abbiamo deciso di riportare qualche definizione, presente sul web, per iniziare a familiarizzare con il procedimento.

Partiamo da Wikipedia:

“Il processo amministrativo nell’ordinamento italiano è quel procedimento giurisdizionale, disciplinato dal Codice del processo amministrativo, al quale una persona, fisica o giuridica, può rivolgersi al fine di ottenere la tutela di un ‘interesse legittimo’ di cui è titolare, o al fine di soddisfare una pretesa risarcitoria derivante da una lesione di un suo diritto soggettivo ed ora anche di un suo interesse legittimo.”

Il procedimento giurisdizionale è regolato dal diritto amministrativo, ossia da quella branca del diritto pubblico che disciplina l’attività della Pubblica Amministrazione, sia in riferimento al perseguimento dell’interesse pubblico e sia al rapporto con i cittadini.

Entrando maggiormente nel dettaglio della materia esso regola la PA in riferimento alla struttura, agli interessi pubblici che persegue, alle modalità che può utilizzare nello svolgimento delle proprie funzioni e ai rapporti con il privato.

I principi sui quali si basa il diritto in oggetto sono:

  • Principio di legalità
    Ogni attività svolta nell’ambito del potere pubblico deve trovare fondamento nella legge.
  • Principio di imparzialità
    L’amministrazione ha il dovere di svolgere le sue funzioni senza, in alcun modo, discriminare i soggetti coinvolti nella sua azione.
  • Principio di buon andamento
    La PA deve agire in maniera efficiente affinché venga raggiunto un ‘utile sociale’, se necessario anche attraverso il sacrificio di posizioni soggettive.
  • Principi di autonomia e decentramento
    Stabiliti dall’art. 5 della Carta Costituzionale, i principi di cui sopra riconoscono le autonomie locali e decentrano dal punto di vista amministrativo i servizi dipendenti dallo Stato.
  • Principi di sussidiarietà, adeguatezza e leale collaborazione
    Per sussidiarietà si intende l’attribuzione delle competenze ai livelli governativi più prossimi ai cittadini, come ad esempio regioni ed enti locali (sussidiarietà verticale) oppure alle formazioni sociali o agli individui (sussidiarietà orizzontale).
    Il principio di differenziazione tiene conto delle caratteristiche dei livelli di governo, sia dal punto di vista strutturale che organizzativo e associativo.
    La leale collaborazione si riferisce alle relazioni, di tipo organizzativo, tra le amministrazioni pubbliche. Il principio definisce il potere sostitutivo del governo laddove venga meno l’adempimento degli obblighi da parte degli enti territoriali.

Le fasi

Il processo amministrativo si sviluppa attraverso quattro fasi:

  1. Iniziativa
  2. Istruttoria
  3. Decisoria
  4. Integrativa dell’efficacia

Il processo si svolge in primo grado dinanzi al TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) e in grado di appello dinanzi alle Sezioni giurisdizionali del Consiglio di Stato.

diritto amministrativo

Specializzazione in Diritto Amministrativo

Una laurea in Giurisprudenza rappresenta, senza alcuna ombra di dubbio, il punto di partenza per chi desidera diventare un profilo esperto in Diritto Amministrativo.

Per essere considerati appetibili professionalmente è fondamentale acquisire un know how aggiornato e specifico della materia.

Tra i percorsi di specializzazione presenti sul mercato formativo italiano segnaliamo il master in ‘Diritto Processuale Amministrativo’, corso post-laurea di primo livello rivolto ai neo-laureati in Giurisprudenza e Scienze Politiche e ai professionisti già attivi nell’ambito legale (avvocati, magistrati, giuristi d’impresa) che intendono riqualificare e aggiornare le proprie competenze.

Per ulteriori informazioni sul programma del master, sulla modalità formativa e-learning, sull’iscrizione e sui costi ti suggeriamo di contattare il nostro staff attraverso il modulo online che trovi qui!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali