informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Le 5 (+1) competenze fondamentali per un educatore

Commenti disabilitati su Le 5 (+1) competenze fondamentali per un educatore Studiare a Napoli

L’ambito sociale è costantemente alla ricerca di profili qualificati da inserire nei vari contesti in cui sono presenti situazioni di disagio; ecco perché analizzeremo nel corso di questo post le competenze fondamentali per un educatore.

Le professioni sociali sono incentrate su attività di prevenzione ed educazione finalizzate a sviluppare le potenzialità degli utenti ‘sensibili’.
Dal momento che si tratta di un campo delicato, complesso e variegato, chi decide di lavorare nel sociale deve possedere una serie di competenze tecniche e attitudini personali.

Chi è e cosa fa un educatore professionale

Pima di addentrarci nell’ambito delle competenze e dei requisiti personali fondamentali per un educatore professionale, cerchiamo di capire in cosa consiste l’attività di un educatore professionale.

L’EP è un profilo che pianifica e gestisce interventi educativi rivolti a soggetti che vivono condizioni e situazioni di disagio psico-fisico.

Egli può operare, a seconda dei contesti nei quali viene richiesto l’intervento, con minori, disabili, anziani, detenuti, immigrati, tossicodipendenti.

Si tratta quindi di una professionalità che si occupa di educazione sociale, un campo che nel corso del tempo ha ampliato notevolmente i confini per ciò che concerne il target di riferimento.

Generalmente un educatore professionale si occupa di gestire interventi educativi/riabilitativi nell’ambito di un progetto terapeutico, per cui si ritrova a collaborare con altre figure professionali (ad es. pedagogisti, psicologi, terapisti, assistenti sociali ecc.).

Quali sono le competenze di un educatore

Dal momento che il profilo in oggetto interviene sulle condizioni di vita degli individui, è necessario che l’educatore possieda una preparazione solida, aggiornata sulla base delle evoluzioni delle metodologie e delle tecniche di intervento.

Le competenze professionali di un educatore sono definite dal Decreto Ministeriale 520 del 1998, il quale stabilisce che l’EP

“programma, gestisce e verifica interventi educativi mirati al recupero e allo sviluppo delle potenzialità dei soggetti in difficoltà per il raggiungimento di livelli sempre più avanzati di autonomia; contribuisce a promuovere e organizzare strutture e risorse sociali e sanitarie, al fine di realizzare un progetto educativo intgrato; programma, organizza, gestisce e verifica le proprie attività professionali all’interno di servizi socio-sanitari e strutture socio-sanitarie-riabilitative e socio-educative, in modo coordinato e integrato con altre figure professionali presenti nelle strutture con il coinvolgimento diretto dei soggetti interessati e/o delle loro famiglie, dei gruppi della collettività; opera sulle famiglie e sul contesto sociale dei pazienti allo scopo di favorire il reinserimento nella comunità; partecipa ad attività di studio, ricerca e documentazione finalizzate agli scopi sopra elencati.”

1 – Analisi delle situazioni di disagio

Il processo di intervento attuato da un professionista qualificato è impostato su un’attenta analisi del soggetto paziente.

Qualunque sia la strategia operativa utilizzata, per risultare efficace essa deve essere preceduta da una raccolta di informazioni in merito alla vita dell’utente.

Si parte quindi da un’anamnesi generale finalizzata ad individuare le necessità educative e le esigenze di cambiamento dell’individuo.

Il tutto si basa, chiaramente, su conoscenze che integrano nozioni di psicologia, sociologia e scienze della formazione.

2 – Pianificazione degli interventi

Le competenze per poter pianificare interventi efficaci rientrano nella categoria ‘fondamentali’, in quanto si riferiscono al processo operativo più complesso e delicato svolto da un EP.

La progettazione si riferisce ad interventi didattici che, a seconda dei contesti ai quali sono destinati, mirano a raggiungere differenti obiettivi.

Gli interventi sono quindi finalizzati a soddisfare i bisogni educativi dei soggetti che presentano disturbi di apprendimento; in altri casi tendono alla riabilitazione, rieducazione funzionale e integrazione degli individui o dei gruppi che presentano disabilità pratiche, disturbi psichiatrici o deficit neuropsicologici.

Pur prevedendo alcuni step ‘standard’, il processo di pianificazione deve essere predisposto in maniera personalizzata sulla base delle esigenze degli utenti; ciò significa che cambia a seconda dei contesti e dei soggetti ai quali si riferisce; e talvolta nell’ambito dello stesso caso richiede continui adattamenti.

3 – Gestione e coordinamento degli interventi

Il fulcro dell’attività di un EP è costituito dalla gestione operativa degli interventi.

Le azioni si svolgono attraverso percorsi finalizzati a far emergere e/o sviluppare le potenzialità dell’individuo, giovane o adulto che sia.

L’educatore si occupa di gestire una serie di attività tendenti a favorire, a seconda delle esigenze, il rafforzamento dell’autostima, le relazioni interpresonali, la partecipazione alla vita quotidiana, il pensiero critico, l’inserimento sociale.

4 – Monitoraggio e verifica dei risultati

Tra le competenze indispensabili per un profilo qualificato rientra la capacità di analizzare e valutare i risultati ottenuti.

Un educatore professionale deve possedere le conoscenze e le competenze per poter effettuare accurate analisi degli esiti raggiunti, al fine di poter migliorare o modificare azioni e approcci che non sono risultati efficaci per il trattamento.

5 – Gestione della consulenza

Un educatore professionale non deve soltanto essere in grado di progettare e coordinare interventi efficaci; trattandosi di una professionalità che opera con soggetti disagiati, che vivono condizioni di malessere psico-fisico, la gestione della comunicazione, ovvero dell’aspetto consulenziale, assume un’importanza fondamentale.

Sviluppare doti da bravo comunicatore è indispensabile per affrontare e gestire nel modo giusto la relazione con il soggetto ‘disagiato’.
Bisogna quindi imparare ad utilizzare un linguaggio comprensibile, e allo stesso tempo acquisire le conoscenze e l’esperienza per interpretare i messaggi inviati tramite la comunicazione non verbale.

Tra le competenze indispensabili per svolgere la professione sociale rientra il counseling.
L’utilizzo di strumenti di comunicazione efficace, unite ad abilità di ascolto e osservazione, agevola il processo di cambiamento.

Le soft skills degli educatori

Oltre alle competenze tecniche, appena evidenziate, un educatore professionista deve possedere una serie di requisiti e attitudini personali, che nel settore sociale risultano fondamentali quanto la preparazione accademica.

Le skills di un educatore devono includere necessariamente buone capacità relazionali e di comunicazione.
Tra i requisiti imprescindibili rientrano anche una forte propensione per le relazioni umane, l’empatia, il problem solving e la predisposizione al teamworking.

Ora conosci le competenze fondamentali per un educatore, che rappresentano anche le basi per chi intende diventare insegnante.
Se desideri approfondire il discorso ti suggeriamo la lettura del post ‘Come ottenere l’abilitazione all’insegnamento’.
Se invece desideri ulteriori info sui corsi di laurea ad indirizzo pedagogico compila il form che trovi cliccando qui!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali