informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere un saggio scientifico: regole e consigli utili

Commenti disabilitati su Come scrivere un saggio scientifico: regole e consigli utili Studiare a Napoli

La conoscenza umana passa attraverso la letteratura scientifica per cui, se fai parte della categoria di ricercatori e studiosi che desiderano portare un contributo ad uno dei numerosi campi della scienza, ti interesserà sicuramente sapere come scrivere un saggio scientifico.

In realtà l’articolo si pone come guida pratica per tutti quelli che, per esigenze di studio o di lavoro, si ritrovano a dover affrontare la redazione di un testo scientifico o a dover scrivere un paper universitario.

L’Università Telematica Niccolò Cusano di Napoli ha raccolto in questo post una serie di regole e suggerimenti per relaizzare un elaborato allineato alle regole di scrittura e di struttura imposte dal genere letterario-scientifico. 

Cos’è il saggio scientifico

Per comprendere a fondo la funzione del saggio scientifico è d’obbligo partire dalla conoscenza della tipologia di elaborato.

Riportiamo di seguito la definizione presente sul sito di Wikipedia:

“Il saggio è uno scritto critico in prosa a carattere scientifico o divulgativo, su un determinato argomento, come per esempio scientifico, politico, filosofico, letterario, storico, artistico o di costume, trattato in modo non formale e di limitata estensione rispetto a scritti con una trattazione più ampia.”

Il saggio è una trattazione caratterizzata da una discreta lunghezza.
É tuttavia possibile considerare saggi anche elaborati più brevi, il cui testo si sviluppa nell’ambito di 20/30 pagine.

Può essere considerato a tutti gli effetti un genere letterario in quanto per la scrittura è necessario rispettare una serie di regole formali

Il testo scientifico è scritto solitamente da uno specialista e si rivolge prevalentemente agli esperti della materia oggetto di approfondimento.

Funzione

Il saggio scientifico ha lo scopo di informare, ovvero divulgare una scoperta afferente ad uno dei numerosi campi della scienza.

L’obiettivo finale e più ambizioso è ampliare la conoscenza umana o comunque fornire le basi per future ricerche e scoperte.

Struttura

La struttura della parte centrale del saggio, ovvero del corpo del testo, è sintetizzabile nell’acronimo IMRAD (Introduction Methods Results and Discussions), modello adottato da numerosi journal scientifici per le loro pubblicazioni.

In sintesi lo schema da seguire è composto da:

  • Introduzione: informazioni generali su ciò che è stato fatto e sugli obiettivi a cui tende l’operato
  • Metodi: procedure utilizzate durante gli studi e/o esperimenti (corpo del testo)
  • Risultati: presentazione e descrizione di dati, al netto di interpretazioni e valutazioni
  • Discussioni: spiegazione dei risultati ottenuti

É opportuno tenere sempre presente che il testo deve avere una struttura ordinata, nell’ambito della quale le varie sezioni risultino facilmente e immediatamente identificabili.
In tal senso suggeriamo di utilizzare font differenti oppure la funzione di Word che permette la suddivisione gerarchica del testo e la creazione automatica dell’indice.

scrivere un paper unversitario

Paper scientifico: regole formali e consigli di scrittura

In questo paragrafo daremo risposta ad un quesito piuttosto comune, soprattutto tra gli studenti universitari e i ricercatori in erba: come scrivere un paper scientifico?

Trattandosi di un elaborato di natura essenzialmente tecnica la stesura deve rispettare una serie di regole, strutturali, stilistiche e di scrittura, universalmente accettate dagli ‘scholars’ (comunità di studiosi professionisti di una specifica disciplina scientifica).

Di seguito le più importanti linee guida da seguire per realizzare un lavoro perfettamente allineato agli standard del genere.

Titolo

Iniziamo dalla definizione del titolo, la prima informazione acquisita dai lettori.

Si tratta di una sorta di biglietto da visita che, in quanto tale, deve essere scritto con estrema cura.
Innanzitutto bisogna evitare di essere troppo generici e allo stesso tempo anche di scoraggiare i lettori con titoloni tecnici.

Ciò che conta è rendere immediatamente chiaro l’argomento trattato: il titolo deve risultare semplice e accattivante.

Abstract

Quando si parla di abstract ci si riferisce alla sintesi, ovvero a quella che potremmo definire una versione ridotta del paper.

Dal momento che molti lettori, per questioni di tempo o per motivi pratici legati alle limitazioni di accessibilità del documento, leggono soltanto titolo e abstract è fondamentale concentrarsi sulla redazione di un testo efficace, chiaro e conciso.
Esso deve sintetizzare i motivi dello studio, ovvero il problema trattato, le procedure utilizzate e i risultati ottenuti.

L’autore deve essere in grado di selezionare i punti salienti dell’elaborato, per cui è consigliabile scrivere l’abstract a saggio ultimato, quando sono ben definiti e chiari i passaggi più rilevanti e interessanti della ricerca.

Per quanto riguarda la lunghezza, alcune riviste stabiliscono il numero massimo di parole.

Impostazione dell’elaborato

Nel caso di un saggio piuttosto lungo la prima pagina è dedicata esclusivamente all’indicazione del nome dell’autore, al titolo dell’elaborato, all’abstract e alle eventuali informazioni aggiuntive (corso di laurea, materia d’esame, nome del docente ecc.).

Nel caso in cui si tratti di un saggio scientifico breve (es 2 o 3 pagine) le suddette informazioni vengono posizionate sempre nella prima pagina ma nella parte alta, prima del testo.

Qualunque sia la lunghezza del lavoro il suggerimento è di numerare ogni pagina del documento.
Nel caso in cui il testo oltre ad essere medio lungo risulta anche piuttosto articolato è opportuno inserire  un indice, che riporti i titoli dei capitoli ed eventualmente dei paragrafi affiancati dal numero della pagina corrispondente.

Solitamente l’indice viene inserito nella seconda pagina, subito dopo l’intestazione.

Stile

Iniziamo col precisare che qualsiasi tipologia di testo scientifico non dovrebbe mai essere scritto in prima persona.

Per agevolare la comprensione del testo è consigliabile costruire frasi brevi e semplici, che risultino collegate in maniera logica le une alle altre.

Sono da evitare le frasi troppo articolate, le ripetizioni e gli inutili giri di parole; si tratta di elementi che annoiano il lettore.

In riferimento alla lunghezza non possiamo dare un’indicazione precisa in quanto essa dipende fortemente dall’argomento, dall’obiettivo cui esso tende e ovviamente dalla quantità di informazioni necessarie per far comprendere al target di lettori il contenuto del testo.

In linea generale bisognerebbe evitare di essere ridondanti o peggio ancora prolissi: un elaborato sientifico è ‘essenziale’.

Uno degli aspetti da curare con particolare attenzione è la scelta dei termini.
Bisogna innanzitutto utilizzare parole di cui si conosce l’esatto significato e che risultano universalmente accettate.

Sono da evitare i termini che notoriamente appartengono allo stile colloquiale e al contrario anche quelli troppo ricercati o di uso poco comune: appesantiscono inutilmente il testo.
La semplicità è la strada migliore per raggiungere la chiarezza.

In ogni caso è buona norma, in caso di dubbio, consultare un vocabolario e/o un dizionario tecnico-scientifico.

Elementi grafici

Sia le tabelle che i grafici rappresentano elementi indispensabili per la redazione di un saggio scientifico.

La presentazione dei dati all’interno di un testo non rende immediata la comprensione, piuttosto la rallenta e la rende relativamente complessa. Al contrario la presentazione e il confronto dei dati su grafici e tabelle agevola la comprensione e la memorizzazione delle informazioni.

Attenzione però ad usarli nel modo corretto.

La tabella presenta e mette in relazione dati; deve essere chiara e autoesplicativa; deve svilupparsi su due dimensioni (righe e colonne).

Il grafico fornisce al lettore una visione di insieme di un fenomeno; deve essere immediatamente comprensibile ed autoesplicativo; deve prevedere una didascalia, una scala dei valori e una legenda.

Entrambi gli elementi devono essere codificati da un titolo e da un numero, e devono avere sempre una citazione nel testo.
Nel caso in cui riportino dati provenienti da fonti esterne, e non da autonome elaborazioni, esse devono essere riportate nel titolo.

Un ultima precisazione importante: grafici e tabelle non devono mai riportare gli stessi dati.

Ora che sai come scrivere un saggio scientifico non devi fare altro che avviare la tua ricerca, o se ne hai già portato a termine qualcuna iniziare ad impostare l’elaborato sulla base dei suggerimenti che hai letto in questa guida.

Buon lavoro!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali