informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come fare una relazione di chimica: quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Come fare una relazione di chimica: quello che devi sapere Studiare a Napoli

Se hai deciso di approcciarti a studi scientifici o se sei già iscritto a una facoltà ingegneristica probabilmente ti capiterà prima o poi di chiederti come fare una relazione di chimica.

Nonostante siano caratterizzate da elementi di grande fascino, le materie scientifiche, se non affrontate nel modo corretto, possono risultare ostiche; l’apprendimento quasi impossibile.

Per agevolare lo studio di chimica, fisica e affini i programmi dei corsi di laurea in ingegneria prevedono innumerevoli attività di laboratorio, ossia esperienze pratiche che consentono di applicare la teoria e di assimilare in maniera solida concetti e formule.

Solitamente al termine di un’esperienza di laboratorio è prevista la stesura di una relazione finalizzata a descrivere dettagliatamente l’esperimento.

Relazione di chimica: come si scrive

Prima di addentrarci nell’ambito di regole e linee guida per la redazione di una relazione scientifica perfetta cerchiamo di capire cos’è e quali sono le finalità cui tende.

Iniziamo col dire che si tratta di un elaborato tecnico che spiega gli obiettivi dell’esperimento e le modalità di esecuzione.
La spiegazione deve essere precisa e dettagliata, al punto da consentire al lettore di riprodurre l’esperienza, nelle stesse condizioni, per verificare i risultati.

La stesura richiede una serie di accorgimenti che riguardano sia la parte contenutistica che la forma; il testo richiede chiarezza espositiva, ordine, precisione, capacità di analisi e allo stesso tempo di sintesi.

In altre parole il lavoro deve risultare fruibile e di facile interpretazione.

Linee guida per l’impostazione

Partendo dal presupposto che la relazione è indicativa della preparazione dello studente è facile comprendere che la redazione non può assolutamente essere affrontata con superficialità.

Di seguito l’università telematica Niccolò Cusano di Napoli ha raccolto in un elenco i punti da trattare e da inserire nel testo.

  • Dati personali
    Nome e cognome dello studente, data  e corso sono gli elementi identificativi del lavoro, che solitamente vengono riportati su fogli precompilati.
  • Titolo
    È un elemento importantissimo, che spesso viene sottovalutato e composto frettolosamente.
    Un buon titolo deve essere chiaro, sintetico, ma soprattutto deve consentire al lettore di farsi immediatamente un’idea del contenuto della relazione.
  • Obiettivi
    Il testo deve mettere in evidenza l’obiettivo cui tende l’esperienza di laboratorio.
    Per ottenere un buon risultato è necessario elaborare e sviluppare nel dettaglio il titolo.
  • Introduzione
    La sezione deve indicare con estrema chiarezza i principi teorici sulla base dei quali è impostata l’esperienza di laboratorio.
  • Sostanze utilizzate
    Una buona relazione di chimica prevede l’indicazione di tutte le sostanze utilizzate durante l’esperimento.
    L’elenco dei reagenti chimici deve essere dettagliato; deve riportare il nome della sostanza, la relativa formula e la concentrazione.
  • Strumenti e apparati
    Oltre all’elenco delle sostanze la relazione deve riportare anche tutte le strumentazioni e apparecchiature utilizzate nell’ambito dell’attività di laboratorio.
    È quindi necessario riportare le caratteristiche della vetreria, degli strumenti di misurazione, degli strumenti di prelievo ecc.
  • Procedimento e metodologia
    Il cuore della relazione è rappresentato dalla sezione in cui viene descritta la metodica.
    Per conferire al testo una maggiore chiarezza, sia grafica che per ciò che riguarda la comprensione, è consigliabile suddividere la descrizione del procedimento in punti.
    Attraverso l’utilizzo dei verbi in modo impersonale bisogna elencare e descrivere sinteticamente i passaggi chiave dell’esperienza.
    Affinché il testo risulti chiaro e comprensibile è fondamentale che tutti i passaggi siano collegati tra loro in maniera logica e sequenziale.
  • Rappresentazione dei dati
    La parte finale di una relazione di chimica è data dalla sezione in cui vengono elaborati i risultati.
    I dati devono essere riportati con chiarezza, possibilmente attraverso l’utilizzo di grafici, tabelle e disegni.
  • Conclusioni
    L’ultima sezione dell’elaborato mette in relazione l’obiettivo del laboratorio con i risultati ottenuti.
    A seconda della finalità cui tende l’esperienza, le conclusioni devono riportare la verifica sperimentale di concetti teorici, l’osservazione di determinate fenomenologie o l’acquisizione di tecniche di analisi.

Suggerimenti per la formattazione

Sintetizzando quanto fin qui evidenziato, una relazione di chimica ben fatta deve innanzitutto essere comprensibile; i vari passaggi devono seguire un filo logico, ossia devono consentire al lettore di comprendere senza difficoltà l’elaborato.

Immaginare che il destinatario non sia un professore, ma una persona che non conosce l’esperimento descritto, è lo stratagemma ideale per realizzare un lavoro chiaro e di facile comprensione.

Che si tratti di una relazione di chimica o di una relazione di fisica, un buon elaborato deve essere curato anche dal punto di vista del layout, ovvero dell’impaginazione.

Al fine di conferire al testo un aspetto gradevole, ordinato e preciso, bisogna seguire le seguenti linee guida:

  • Utilizzare un carattere chiaro e comprensibile
  • Utilizzare una dimensione del carattere media, tra i 10 e i 12 pt
  • Limitare l’utilizzo dei colori ai grafici
  • Giustificare il corpo del testo
  • Utilizzare il verbo impersonale
  • Formattare il testo con elementi di enfasi come ad esempio il grassetto, il corsivo o il sottolineato

Ora sai esattamente come fare una relazione di chimica; non ti resta che metterti all’opera ed iniziare ad impostare l’elaborato.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali